» » Sul patentino online drone obbligatorio

Sul patentino online drone obbligatorio

pubblicato in: Altro, Blog | 0

Dal 1 Luglio 2020 per pilotare un drone di oltre 249 grammi di peso sarà necessario aver ottenuto il patentino online di Enac.

Ho voluto fare il patentino subito, 2 mesi prima che diventi obbligatorio per essere pronto subito e penso di aver fatto bene visto che la complicazione burocratica allunga i tempi più del previsto.

La procedura e la burocrazia infatti ancora una volta rendono le cose difficili. Più difficili dei contenuti dell’esame che una persona normodotata e moderatamente appassionata supera tranquillamente in poche ore di studio.

La procedura per ottenere il patentino per il drone.

  1. Procurarsi il codice SPID. Lo attivo semplicemente su Aruba. È gratuito lo SPID ma si paga 14 euro per la videochiamata obbligatoria per il proprio riconoscimento.
  2. Scaricare il manuale Syllabus dell’Enac e studiarlo bene. Ripassare su altre fonti (15 euro).
  3. Accedere al sito Enac per sostenere l’esame
  4. Pagare l’esame (31 euro)
  5. Attivare l’assicurazione (30 euro circa)
  6. Registrarsi su D-flight
  7. Registrare il drone su D-flight: mission difficilissima perché vengono richiesti codici non sono indicati in modo chiaro e univoco sul prodotto.
  8. Attivare il QR code del drone (6 euro) su D-Flight e qui ci si ferma perché ad oggi nonostante abbia pagato, registrato il drone e contattato tramite form non c’è modo di avere il QR Code.

Totale spesa: 100 euro circa.

codici drone
Alcuni dei codici richiesti

Come si svolge l’esame online per ottenere il patentino per il drone

L’esame si sviluppa online su 40 domande dell’esame con i seguenti punteggi:

  • +2 punti per risposta esatta
  • -1 punto per risposta sbagliata
  • 0 punti per risposta non data

Per superare l’esame bisogna ottenere il 75% del punteggio totale rispondendo alle domande entro 1 ora.

Il patentino ha validità di 5 anni ma sono certo che le regole cambieranno molto prima della scadenza.

Considerazioni personali

  • Ottimo avere ora una regolamentazione ‘europea’ uguale per tutti.
  • Domande dell’esame mal poste, probabilmente frutto di una brutta traduzione dall’inglese.
  • Tempo a disposizione per il test troppo abbondante, 30’ max sarebbero più che sufficienti.
  • Il manuale da studiare ha ampi margini di miglioramento. Decisamente meglio quello di Dronzine.
  • Negativa la gestione su D-Flight: non c’è modo di contattare nessuno e sistemare una cosa già pagata peraltro obbligatoria. L’e-commerce non dialoga con il sistema di registrazione e l’attivazione del QR Code non mi è stata possibile ad oggi.
  • La registrazione del drone richiede codici molto difficili da reperire

Il patentino è sicuramente utile e interessante ma sostenere un esame online con la possibilità fraudolenta di copiare e cercare su Google o sul manuale stesso è assurdo. Sarebbe molto meglio affidarsi a centri fisici per un esame reale. La modalità di accesso con Spid potrebbe solo limitare parzialmente le truffe di chi pensasse di farsi fare l’esame dall’amico diversamente intelligente (reato penale).

Qui altre informazioni su truffe, sanzioni e reati connessi ai droni.

Lascia una risposta