Home » marketing » Metodo Zero Pixel

Metodo Zero Pixel

Ho definito il metodo di lavoro per Zero Pixel 6 anni da partendo da un foglio bianco da cui scegliere il punto da cui iniziare a pianificare. Questo punto è il pixel zero che ha dato origine anche a questa realtà.

Il metodo è il sistema utilizzato per definire la strategia, impostare obiettivi e sviluppare attività per poterli raggiungere. È possibile utilizzare una metodologia per dimostrare un concetto e quindi fornire le linee guida per applicarlo con successo.
Nel marketing e nelle vendite diversi metodi forniscono una guida per definire gli obiettivi e i processi per raggiungerli ma solo con un reset e un’analisi da zero si possono superare i preconcetti a cui spesso si è legati.

Se è vero che non ci sono regole assolute per lo sviluppo delle attività è anche vero che utilizzare un metodo definito può semplificare e organizzare il processo.

Ogni attività deve partire da un check-up, la business analysis per la stesura di un report che convalidi la giusta visione della situazione. Questo è necessario per evitare qualsiasi incomprensione e fa emergere subito eventuali disallineamenti tra le persone coinvolte, i manager e i business leader. Dall’analisi del report viene definita la strategia nel marketing plan poi declinato nelle attività operative da sviluppare e poi monitorare.

Tutti vogliamo che la nostra attività cresca ogni anno in modo continuo e per questo abbiamo bisogno di lavorare insieme a tutti i nostri colleghi di tutti i reparti, in particolare a quelli che si rivolgono ai clienti. La comunicazione è fondamentale per condividere le linee guida strategiche.

È qui che entrano in gioco i metodi di lavoro.

Il metodo generale poi lascia spazio ai progetti di sviluppo mixando strategia-creatività e sviluppo.

metodo Zero Pixel

Punto zero: marketing Check-Up

Prima di ogni altra cosa e dopo le famose 4 chiacchere proponiamo sempre ai clienti un’analisi della situazione. Spesso questo aspetto viene sottovalutato ma è la base di ogni cosa che permette di definire il contesto in cui si opera e i propri aspetti principali.

Suddividiamo le attività in due fasi e inseriamo nel primo blocco le informazioni che riusciamo a raccogliere, interne ed esterne all’azienda e nel secondo le prime evidenze riscontrate.

fase 1. comprensione azienda

  • Company profile
  • Clienti
  • Prospect
  • Mercato
  • Competitor
  • Prodotti e servizi
  • Strumenti
  • Rete di vendita
  • ecc

fase 2. diagnostica

  • Criticità
  • Analisi SWOT
  • Elementi WOW
  • ecc

Il risultato dell’elaborazione è un report di analisi, base per lo sviluppo di un marketing plan vincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *