» » Marketing plan: adesso

Marketing plan: adesso

pubblicato in: Blog, marketing | 0

Siamo costretti a casa per fronteggiare il Covid-19. Stiamo lavorando a ritmo ridotto. Possiamo stare seduti sul divano oppure cercare quanto di positivo ci può dare un periodo così infelice dal punto di vista umano e professionale.

Adesso è il momento migliore per organizzare il cambiamento e il proprio marketing plan

Possiamo sfruttare questi giorni di calma apparente per organizzare tutti quei lavori che non si ha sempre il tempo di fare quando si è operativi al 100%. Analisi, siti, cataloghi, grafica, rimettere ordine ai progetti e soprattutto riflettere e pianificare.

Alla ripartenza, tra non molto, saremo pronti all’azione.

Da dove partire per ri-organizzare il proprio marketing plan

Ogni markettaro vi darà idee diverse su come sviluppare un piano marketing e secondo Jim Horan, il piano di marketing ideale deve essere lungo solo una pagina. Siamo d’accordo ma ci arriveremo sintetizzando gli elementi principali solo dopo aver analizzato tutto nel dettaglio.

Fermiamoci per pensare, facciamo un bel check-up di tutte le attività. Partiamo da un foglio di lavoro vuoto (zero pixel…) e andiamo con ordine, scrivendo per ogni pagina i propri commenti.

Se non avete mai scritto un marketing plan vi possiamo aiutare con un elenco, a titolo di esempio. Sono macro argomenti da sviluppare. Ognuno di questi merita la dovuta attenzione e tempo.

  1. As-Is: situazione attuale. Cosa facciamo, come lo facciamo, in quale scenario ci muoviamo, mercato, clienti, ecc
  2. Quali sono i nostri prossimi obiettivi? Come possiamo misurarli e monitorarli?
  3. Analisi delle criticità: quali sono i nostri punti deboli?
  4. Analisi delle competenze: cosa possiamo migliorare, cosa è meglio che facciamo noi o cosa è meglio delegare?
  5. Analisi SWOT: punti di forza, debolezza, opportunità e minacce. La swot è sempre valida per ragionare a tavolino. Tagliare i rami secchi e puntare sulle nuove potenzialità?
  6. Qual è il cambiamento che dobbiamo affrontare?
  7. La mia immagine è coordinata? È ancora attuale o va aggiornata?
  8. Quali strumenti stiamo usando per comunicare? Come li usiamo? Sito, e-commerce, social, quali, email marketing, ecc
  9. Guardiamoli singolarmente: il nostro sito è ottimizzato? È aggiornato? Ci stiamo muovendo sui social giusti
  10. Analizziamo: Analytics e Insights cosa ci dicono?
  11. Pianifichiamo. È il momento di definire un piano di sviluppo dettagliato su una timeline realistica.
  12. Stabiliamo qual è il budget a disposizione, dando una priorità ai progetti da sviluppare.

Bisogna restare concentrati e ottimisti, evitare l’errore più grave di farsi prendere dallo sconforto e tagliare subito tutti gli investimenti e i progetti.

5 errori da evitare nella stesura del proprio marketing plan

  1. Essere poco realistici
  2. Non avere una vision chiara e le informazioni che servono
  3. Trascurare mercati, cambiamenti e problemi
  4. Essere troppo generici
  5. Sottovalutare la concorrenza

Il marketing plan andrà modificato in ottica di un costante miglioramento per cui tutto deve essere ben definito in modo inequivocabile.

Un consiglio: dobbiamo essere analitici, concreti e flessibili.

Un periodo così non ci capiterà più.

Almeno ce lo auguriamo ma… approfittiamone!

Siamo a disposizione per una video-consulenza gratuita di un’ora per aziende e professionisti in difficoltà.

Lascia una risposta